Castello Spinola di Borgo Fornari (XII secolo)

Borgo Fornari (GE)

Il Castello di Borgo” probabilmente venne edificato tra il 1100 e il 1121 sull’altura che una volta custodiva la strada tra la Valle dello Scrivia e l’antico feudo genovese di Voltaggio per volere della famiglia de Fornari, originari di Genova e promotori della nascita dell’omonimo borgo “Burgi Novi Fornariorium”. Successivamente il Castello passò alla nobile famiglia genovese degli Spinola….

in breve

Il Castello di Borgo” ( nel 1176 così indicato nel Privilegium di Federico Barbarossa) probabilmente venne edificato tra il 1100 e il 1121 sull’altura che una volta custodiva la strada tra la Valle dello Scrivia e l’antico feudo genovese di Voltaggio per volere della famiglia de Fornari, originari di Genova e promotori della nascita dell’omonimo borgo “Burgi Novi Fornariorium” . Successivamente il castello passò alla nobile famiglia genovese degli Spinola quando nel 1253 Niccolò Spinola lo comprò da Giovanni, marchese di Gavi. Nel 1313 l’imperatore Enrico VII concesse l’investitura imperiale su questo castello a Opizzino Spinola. Per la sua importanza strategica “Il Castello di Valle Scrivia” ( così come citato in antichi documenti) fu oggetto di dispute sulla proprietà tra le famiglie Doria, Spinola ed Adorno. Nel XV secolo venne occupato dalle truppe milanesi interessate al dominio su Genova. Nel 1600 con la costruzione di un palazzo di rappresentanza nel Borgo, il Castello perse la sua funzione residenziale e di rappresentanza, fino ad essere utilizzato dall’Ottocento come abitazione contadina.   Nonostante la sua costruzione risalga al XII secolo, ne è attestata la frequentazione sino al 1600 e l’analisi dei suoi paramenti murari dimostra che ebbe la duplice funzione di protezione del borgo e di controllo delle vie di comunicazione sottostanti.

Inaugurato nel giugno del 2008 dopo anni di restauro conservativo, dell’antico castello sono visibili e visitabili la torre a pianta semicircolare, di costruzione più antica rispetto al resto e, nella parte Ovest, un muro, unico esempio di murature ancora esistenti nella Valle dello Scrivia. Integra è anche la parte rivolta a valle che si suppone fosse destinata alla guarnigione del castello e che si affaccia su un cortile protetto da muratura.
Oggi il castello di Borgo Fornari ospita nei locali interni un piccolo polo museale con aule didattiche e laboratori. All’interno è stato allestito un percorso didattico sulla vita quotidiana nel Medioevo che ha reso la struttura sede ideale per eventi: spettacoli teatrali, concerti, rievocazioni storiche e serate dedicate all’osservazione dei corpi celesti.

Si consiglia la visione di  www.youtube.com/watch?v=I6iA8Bj4j5A

Testo tratto da “Terre di Castelli: per valli e per monti nei domini Fieschi e Spinola” a cura di Simona Caleca, Giulio Ferrando, Bruno Repetto, Carla Monica Risso.

www.terredicastellifieschiespinola.it

Si segnale, per approfondire, la pubblicazione della collana “Quaderni della Comunità Montana Valli Genovesi Scrivia e Polcevera, N. 6”, Francesca Musante, Simona Caleca, Chiara Casale, Silvia Melogno (a cura di), Architettura storica a Ronco Scrivia e Borgo Fornari, Genova, 2008.

Categorie di repertorio