Filippo Parodi (1630-1702)

Altare della Chiesa di San Luca

(Genova, 1630 – 1702).

Scultore e intagliatore genovese. Nella sua Storia de’pittori scultori e architetti liguri e de’forestieri che in Genova operarono, Carlo Giuseppe Ratti afferma che il Parodi iniziò come intagliatore, per poi recarsi a Roma due volte, dove per ben due volte rimase sei anni. Il periodo romano è essenziale per capire lo stile della sua opera. L’altare della Vergine nella chiesa di Santa Maria delle Vigne, a Genova, è decorato dalle figure allegoriche delle virtù teologali (fede, speranza e carità), simbologia che ricorre spesso nelle chiese di Roma. Le quattro statue raffiguranti altrettanti personaggi delle Metamorfosi di Ovidio (Narciso, Giacinto, Clizia e Flora) conservate a Palazzo Reale, a Genova, rivelano una profonda conoscenza della scultura barocca romana. Queste opere e la grande specchiera di legno intagliato che si può ammirare a Villa Durazzo ad Albissola risalgono all’incirca al 1661.
(Fonte: Grove Dictionary of Art)

in breve

Filippo Parodi

Altare della Chiesa di San Luca

(Genova, 1630 – 1702).

Scultore e intagliatore genovese. Nella sua Storia de’pittori scultori e architetti liguri e de’forestieri che in Genova operarono, Carlo Giuseppe Ratti afferma che il Parodi iniziò come intagliatore, per poi recarsi a Roma due volte, dove per ben due volte rimase sei anni. Il periodo romano è essenziale per capire lo stile della sua opera. L’altare della Vergine nella chiesa di Santa Maria delle Vigne, a Genova, è decorato dalle figure allegoriche delle virtù teologali (fede, speranza e carità), simbologia che ricorre spesso nelle chiese di Roma. Le quattro statue raffiguranti altrettanti personaggi delle Metamorfosi di Ovidio (Narciso, Giacinto, Clizia e Flora) conservate a Palazzo Reale, a Genova, rivelano una profonda conoscenza della scultura barocca romana. Queste opere e la grande specchiera di legno intagliato che si può ammirare a Villa Durazzo ad Albissola risalgono all’incirca al 1661.
(Fonte: Grove Dictionary of Art)

Categorie di repertorio