La scultura marmorea fu ordinata dal cardinale Giulio Spinola nel 1672 per la Cattedrale di Nepi, al fine di favorirne il culto.
L’opera, raffigurante San Romano disteso con Santa Savinilla nell’atto di coprirlo con il velo sepolcrale, fu scolpita da Ercole Ferrata, allievo del Bernini, e collocata per la prima volta sopra l’urna contenente le reliquie del santo nel 1680.
da http://www.bibliotecaviterbo.it/biblioteca-e-societa/1999_1-2/Inserto.pdf