Veronica Spinola nacque a Genova nel 1625, figlia di Luca Spinola di Gaspare di Gioffredo, e di Pellina Spinola figlia di Giovanni Battista Spinola, I Duca di San Pietro.
Nel 1650 sposò lo zio Gio Filippo Spinola, cui portò in dote il Principato di Molfetta.
Non avendo lo zio e cognato di Veronica, Gio Maria Spinola, II Duca di San Pietro alcun discendente maschio diretto, alla sua morte egli nominò proprio erede universale Francesco Maria (1659-1727) figlio di Veronica e del fratello Gio Filippo.
Alla morte di Gio maria, ella si trasferì con Francesco Maria al Palazzo dell’Acquasola ( Palazzo di Massimiliano Spinola o Doria Spinola) occupata prevalentemente dalla tutela del figlio, erede universale del patrimonio del padre Gio Filippo e dello zio Gio Maria.
Nel 1669 madre e figlio ricevettero in giuspatronato il coro della chiesa di San Francesco da Paola con facoltà di sepoltura (not. Oberto Castiglione, 13 aprile 1669; Archivio di Stato, Genova) e nel corso degli anni successivi si dedicarono ad un’opera di restauro della Chiesa, tale da guadagnarsi l’appellativo di « fondatori« . Probabilmente dopo il 1675, con il matrimonio di Francesco Maria, Veronica si trasferì nell’appartamento a lei dedicato (Palazzetto Spinola) presso il Convento di San Francesco da Paola. Morì nel 1688 e fu sepolta nella cripta dell’altar maggiore della chiesa; un’iscrizione a ricordarla
A gloria dell’Altissimo | et ad honore del Gran Patriarca dei Minimi | l’effige | dell’ecc.ma sig.ra D. Veronica Spinola | Principessa di Molfetta | matrona | che su la base d’impareggiabile pietà e munificenza | stabilissi eterna vita | in cielo e nella memoria de gl’huomini | fondatrice | di questo convento di Gesù Maria | e generosa benefattrice | di Francesco Ravetta suo creato | il quale | in segno di ossequiosa e perpetua gratitudine | col consenso di questi RR. PP. | qui dedica. 1688 | 14 feb.

Le notizie sulla vita di Veronica Spinola sono tratte
da questo sito Scheda sulla Chiesa e Convento di san Francesco da Paola e da « Palazzo Doria Spinola. Architettura ed arredi di una dimora aristocratica genovese, da un inventario del 1727 » a cura di Roberto Santamaria, 2011 Recco (GE), Le Mani Editore