La chiesa è ricca di ornamenti in marmo, eseguiti da Daniello Solaro, formatosi presso Pierre Puget.
Dal 1691 si registrano, con una certa costanza, pagamenti per lavori nella chiesa di S. Luca a Genova (Toncini Cabella, 2004, p. 138), culminati con l’impegno, nel 1698, della costruzione dell’altar maggiore, per il quale Filippo Parodi avrebbe dovuto scolpire il complesso statuario dell’Immacolata (Alfonso, 1985, p. 161)…(interamente tratto https://www.treccani.it/enciclopedia/daniele-solaro_%28Dizionario-Biografico%29/).