La Famiglia

… Capostipite ne sarebbe stato Guido, Visconte di Valpolcevera, giunto in Liguria nel 971 a seguito dell’imperatore Ottone I e  padre di sette figli, dei quali Oberto e Ido costruirono la Chiesa di Nostra Signora delle Vigne…..dal detto Oberto sarebbe nato Belo Visconte, a sua volta padre di Guido ed Oberto…Guido,diretto ascendente dei nostri Spinola, avrebbe assunto il cognome essendo signore del Monte Spinola del Marchesato di Varzi.

Testo tratto da “Palazzo Doria Spinola” a cura di Roberto Santamaria, 2011 Le Mani – Microart’s Edizioni, Recco (GE)

Ritenuto il capostipite della casata (domus Guidonis Spinule), Guido Spinola, non viene mai indicato nei documenti che abbiamo a disposizione come vice comes. Fu però Console della Compagna negli anni 1102-1105, 1110-1113,1120-1121. Ebbe legami con la Curia Arcivescovile: faceva parte infatti  dei nobiles tenuti a “facere fidelitatem” al Vecovo, per conto del quale deteneva la riscossione di alcuni diritti di decimazione.

Immagine di testa:
Albero genealogico della Famiglia Spinola con la miniatura di Guido, Visconte di Val Polcevera, avo di Guido Spinola, manoscritto pergamenaceo del XVI secolo.

Archivio di Stato di Genova,
Manoscritti biblioteca 174

Il Passato

Le Famiglie Genovesi

La famiglia Spinola è una delle più antiche e importanti famiglie genovesi, insieme ai D’Oria, ai Fieschi di Lavagna e ai Grimaldi fu una delle quattro famiglie che contrassegnarono la vita politica della Repubblica di Genova.

La storia della famiglia Spinola è strettamente legata alla storia di Genova. Antica città dei Liguri (Ligures), Genova fu fiorente in epoca romana prima di attraversare un periodo di relativa oscurità. Nell’XI secolo, lo sviluppo del commercio marittimo portò Genova ad affermarsi quale libero Comune governato da una spontanea aggregazione di cittadini (la “Compagna”) che provvedeva a fornire armi, capitale o lavoro alla comunità. Ciò generò una classe dirigente di origine sia aristocratica che feudale e mercantile.

XI secolo
La Repubblica Marinara

Nell’XI secolo, Genova era ormai diventata una potente e ricca Repubblica Marinara in grado di rivaleggiare con Pisa e Venezia. La sua partecipazione alla prima Crociata nel 1097 e 1100 le valse notevoli privilegi commerciali e possedimenti nei nuovi Stati crociati del vicino Oriente. Con il rafforzamento della “Compagna”, il centro città fu diviso in otto distretti e i palazzi ornati con portici per meglio delimitare ogni zona. I distretti erano sotto la protezione delle famiglie dominanti, fra cui spiccavano i Doria, gli Spinola, i Fieschi, i Grimaldi . Fu un periodo caratterizzato anche dalle continue lotte politiche fra Guelfi e Ghibellini.

Nel 1270, i nobili Oberto Doria e Oberto Spinola, rappresentanti delle più importanti famiglie ghibelline, furono nominati Capitani del Popolo e di fatto governatori della città. In questo periodo, i Genovesi ottennero grandi e famose vittorie nelle battaglie navali contro i Pisani (battaglia della Meloria, 1284) ed i Veneziani (battaglia di Curzola, 1298). Nonostante le lotte interne, Genova svolse un’intensa e proficua attività commerciale da cui trassero vantaggio sia le famiglie dirigenti che la popolazione in generale. Il potere esecutivo era affidato ai Consoli, eletti da assemblee popolari.

XII, XIII secolo
Genova potenza commerciale e marittima

Durante il XII e il XIII secolo, Genova ricoprì un ruolo primario come potenza commerciale e marittima. Il commercio via mare era l’attività principale, mentre si assisteva allo sviluppo del settore bancario e di quello delle costruzioni navali. La Repubblica estese la sua influenza a tutta la Liguria, gran parte della Corsica e nord della Sardegna fondando, grazie alla sua partecipazione alle Crociate, colonie commerciali lungo tutta la costa del Mediterraneo.

La struttura politica della Repubblica subì un’evoluzione e, nel 1339, fu eletto il primo Doge a governo della città con il sostegno di diverse famiglie aristocratiche. Inizialmente, i Dogi erano eletti a vita. Dopo un periodo in cui si succedettero invasioni milanesi, francesi e spagnole e Genova fu costretta a cedere molti dei suoi possedimenti oltremare, la nuova Costituzione del 1528 affidò il governo ad un Doge con carica biennale. Nel 1596 Padre Carlo Spinola si recò in Giappone come missionario.

XVI, XVII secolo
Nell'orbita Spagnola

All’epoca della riforma attuata da Andrea Doria, gli Spinola divennero uno dei 28 Alberghi della Repubblica di Genova al quale altre famiglie furono ufficialmente invitate ad unirsi. Tra il 1528 e il 1797 vi furono molti Spinola fra i Dogi e i cardinali del Sacro Romano Impero. Genova entrò nell’orbita della Spagna e ciò consentì la sua espansione commerciale nei possedimenti spagnoli del Nuovo Mondo. I Genovesi divennero così i banchieri della monarchia spagnola. Nel 1625, Ambrogio Spinola, al servizio della Corona spagnola, arrivò al culmine della carriera militare con la presa della città di Breda. La resa di questa città fu immortalata in un famoso dipinto di Velasquez.

La ripresa economica del XVI e XVII secolo determina l’arrivo a Genova di molti artisti importanti tra cui Rubens e Van Dyck (vedi ritratti degli Spinola) e l’affermarsi dello stile barocco genovese (vedi Chiesa di San Luca). Il decadimento della potenza spagnola ebbe come conseguenza il declino delle principali famiglie. Nel 1768, Genova dovette cedere alla Francia la Corsica, ultimo dei suoi possedimenti. Nel 1797, la pressione militare francese causò lo sgretolamento del potere aristocratico e il costituirsi della Repubblica Ligure. Nel 1806, Massimiliano Spinola pubblicò il primo dei suoi importanti trattati di entomologia. Nel XVIII secolo, fu fondata la Fondazione Nobile Famiglia Spinola per prestare aiuto ai poveri della zona della parrocchia di San Luca, storico quartiere delle residenze della famiglia Spinola.

Nel 1805, la Repubblica Ligure fu annessa all’Impero francese. Dopo il Congresso di Vienna del 1815 passò sotto Casa Savoia e nel 1861 venne a far parte del Regno d’Italia.

La Famiglia Oggi: Arte, Cultura, Economia

Oggi la famiglia si riunisce in occasione dell’Assemblea della Fondazione Spinola, come nel medioevo quando gli Spinola convenivano in merito alle questioni politiche e finanziarie legate alla città di Genova.

Tutti i membri della famiglia Spinola, discendenti del ramo di San Luca e di quello dei Luccoli, hanno la possibilità di diventare membri dell’Assemblea della Fondazione Spinola. La Fondazione è amministrata da un Consiglio di fondazione composto da cinque membri nominati dall’Assemblea presieduta dal Governatore Maggiore e da due membri della Curia di Genova tra cui il parroco pro tempore della chiesa di San Luca.

La Fondazione svolge il ruolo di rappresentante della Famiglia Spinola nella città di Genova, in quanto la quasi totalità della famiglia ha scelto nuove residenze più favorevoli alle sopravvenute esigenze professionali, mantenendo così la vocazione internazionale che l’ha sempre contraddistinta. Gli Spinola, pur essendo attivi altrove come giornalisti, manager d’azienda, decoratori di interni, tour operators, viticoltori, conduttori di aziende agricole, sentono fortissimo la loro appartenenza alla città di Genova.

Andrea Spinola

Andrea Spinola è un imprenditore con grande amore per la terra e per la natura, in particolare per i frutti più pregiati che essa è in grado di darci, come l’uva. Andrea è riuscito a trasformare la sua passione in un’attività di successo, fondando l’azienda vitivinicola Marchese Luca Spinola, che prende il nome di suo padre, proprietario degli antichi vigneti che la famiglia possiede da secoli nella zona di Tassarolo.

Nato nel 1975, studia e vive a Milano, fino a quando nel 2006 decide di lasciare la carriera intrapresa in una grande multinazionale per tornare alle origini, nelle terre piemontesi in cui ha trascorso l’infanzia e che non ha mai smesso di amare.

Anno dopo anno, sviluppa un’azienda che produce un cortese di Gavi oggi apprezzato in tutto il mondo e che per 10 anni è riuscita a esportare migliaia di bottiglie, dagli Stati Uniti al Giappone passando per l’Europa, forte di un gusto trasversale adatto alla cucina internazionale, come a quella orientale.

Nel 2015 anche le più piccole generazioni della famiglia Spinola – la moglie Nora con i tre figli Carlo, Massimiliano e Ludovico – si trasferiscono a Tassarolo, per “respirare il profumo di questa terra, crescere con i suoi sapori e sentire appieno la profondità delle radici della nostra famiglia nel Gavi”.

Biografia

Carlo Maria Spinola​

Strategic and international m&a skills acquired in Supervisory Dept. of Bank of Italy. Management experience in San Paolo Bank and corporate law firm Chiomenti.
Corporate advisor focused on internationalization and cross-border M&A , JVs and partnerships.
Specialties: Cross-border M&A, International JVs and partnerships, fund raising, Business Plan & Control.
Experience
Managing Director
CVS Partners Corporate Finance
June 2006 – Present, Rome
CVS Partners is a corporate finance boutique focused on cross-border M&A, corporate internazionalization (JVs, partnerships, distribution agreements, licensings …), fund raising.
General Manager
Chiomenti Studio Legale
January 2002 – July 2005 (3 years 7 months)
Administration, Business Planning and Control, HR, IT, Public Relations.
Managing Director East Gate S.p.A.
December 1996 – June 2000 (3 years 7 months)Milan, Hong Kong, Shenzen
Co-founder of the start up, fund raising, trade financing, business planning, business development.

Biografia

Enrico Spinola

Federico Spinola

Federico Spinola ha più di 30 anni di esperienza nella supervisione di investimenti attraverso l’Europa, l’America Latina e l’Asia. Dopo una carriera iniziata lavorando per la Martini & Rossi, nel 1986 si trasferì in Argentina per amministrare aziende agricole. Tornato a Ginevra nel 1993, fondò la Parly Company SA, una società di consulenza di investimenti internazionali. Sua preoccupazione primaria è vedere la città di Genova mantenere un ruolo attivo nell’economia e nei valori sociali del nuovo secolo.

Attivo in diverse organizzazioni non-profit internazionali, ha partecipato alla creazione dell’Alliance for Rabies Control, (lotta contro la rabbia). Ha costituito il Marwar Trust, una organizzazione dedita al controllo della popolazione canina e al controllo della rabbia nella città di Jodhpur, Rajasthan, India del Nord; è stato cofondatore del World Animal Forum (WAF), l’annuale riunione annuale dei Direttori Generali delle 8 più importanti associazioni di protezione di animali nel mondo.
È stato membro dei consigli di associazioni musicali come il Mozarteum Argentino, il Mozarteum de Jujuy, la De Sono Associazione per la Musica, l’Unione Musicale di Torino e attualmente è nel consiglio Milano Musica.

Biografia

Fiorbellina Spinola​

Nata il 5 Giugno 1966 a Roma, dove vive per parte della vita, salvo nell’infanzia qualche trasferta in Libia, Tunisia e Turchia per seguire il padre con il lavoro. Frequenta il Liceo Linguistico Sacro Cuore, Trinità de’ Monti e dopo la maturità passa un anno a Oxford dove consegue il diploma di Proficiency of Cambridge. Ritornata in Italia, si iscrive da privatista alla Scuola di Perito Agrario dove ottiene un secondo diploma di maturità. Comincia a lavorare alla Casa d’Aste Semenzato in Piazza di Spagna, poi al Flammini Group come responsabile Ufficio Internazionale e contratti con gli Autodromi per l’organizzazione del Mondiale Superbike e del GP di Formula 1 di Moto. Nel 1992 lascia il lavoro alla Flammini per occuparsi dell’azienda agricola di famiglia aiutando il padre nella gestione del vigneto e dei campi. Nel 1995 è stato inaugurato l’agriturismo del quale è sempre stata l’unica responsabile. Nel 2006 tutta l’azienda è passata a suo nome. 

www.spinolaonline.it

Biografia

Franca Spinola

Laureatasi nel 1968 in medicina, dal 1968 al 1970 è stata assistente presso l’Università Cattolica di Roma A. Gemelli. Ha sempre collaborato con la madre, Maria Concetta Giuntini Spinola, nominata Cavaliere del Lavoro nel 1973, nella conduzione dell’azienda agricola de La Parrina.

Tenuta la Parrina, una delle aziende agricole più antiche e affascinanti della Maremma Toscana

Nel giugno del 1993 ha ricevuto la nomina di Cavaliere del Lavoro e oggi dirige l’azienda, nel comune di Orbetello, costituita da circa 428 ettari di terreno, dei quali 150 a bosco ceduo e i rimanenti a vigneti, oliveti e frutteti. L’azienda è dotata di una moderna cantina, della capacità di 13.000 ettolitri, dove produce i vini Parrina doc, Ansonica doc, Capalbio doc, noti sui mercati nazionali ed esteri. La sua coltivazione di alcune specie frutticole quali pesche nettarine e kiwi è all’avanguardia come anche eccelle nella produzione di formaggi ovini e caprini e nella florovivaistica. Nel 1999 ha esteso l’attività anche nel settore agrituristico. È stata presidente della Camera di Commercio di Grosseto e componente del Consiglio di Amministrazione dell’Associazione Produttori Ortofrutticoli. 

www.parrina.it

Biografia

Giandomenico Spinola

Giandomenico Spinola è nato a Roma il 20 Novembre 1959.

Ha conseguito il diploma di laurea in Lettere nel 1984 presso l’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo una tesi in Archeologia Classica e, nel 1987, presso la stessa università, il diploma di Perfezionamento in Storia dell’Arte Antica della Scuola Nazionale di Archeologia. Dal 1993 lavora nei Musei Vaticani, inizialmente come curatore del Reparto delle Antichità ed Arte Paleocristiana e del Museo Pio Cristiano, poi dal 2006 è curatore del Reparto di Arte Classica e dal 2009 è responsabile del Dipartimento dell’Archeologia dei Musei Vaticani. Ha scavato in Libia (Cirene) e in molti siti archeologici italiani, soprattutto a Roma, a partire dal 1979. Attualmente dirige gli scavi della necropoli lungo la via Triumphalis in Vaticano e coordina le indagini archeologiche nelle aree sotto le basiliche di S. Giovanni in Laterano e di S. Maria Maggiore e nella villa di Domiziano a Castel Gandolfo.

Nel corso degli anni ha fatto varie conferenze e curato mostre in Vaticano, in Italia e all’estero. Dal 2013 è socio corrispondente del Deutsches Archäologisches Institut di Roma.

Pubblicazioni:

Ha scritto molti articoli e saggi – scientifici e divulgativi – su riviste specialistiche e d’informazione, insieme a diversi libri, come i seguenti:

  • Etruschi nell’alto Lazio. Itinerari per il turismo studentesco, Roma 1988, pp. 13-159 (redazione del testo della serie “Quaderni di Partire” per conto del C.T.S. e della Regione Lazio.
  • Il Congiarium in età imperiale. Aspetti iconografici e topografici, Roma 1990 [Supplemento di Rivista di Archeologia, 6].
  • Le sculture nel Palazzo Albertoni Spinola a Roma e le Collezioni Paluzzi ed Altieri, Roma 1995.
  • Il Museo Pio-Clementino. 1, 2, 3. Il settore orientale del Belvedere, il Cortile Ottagono e la Sala degli Animali, Città del Vaticano 1996, 1999, 2004.
  • G. Spinola [ed.], Splendors of Christmas. Images of the Birth of Christ from the Vatican Museums, New Haven (Connecticut) 2001.
  • Vaticano. I mosaici antichi, (con P. Liverani), Milano 2002.
  • Vaticano. La Sala degli Animali nel Museo Pio Clementino, (con P. Liverani), Milano 2003.
  • P. Liverani, G. Spinola, M. Takanashi [edd.], Vixerunt omnes Romani ex Imaginibus. Ritratti romani dai Musei Vaticani, Tokyo 2004 (edizione in italiano Tokyo 2005).
  • La necropoli vaticana lungo la via Trionfale, (con P. Liverani) Roma 2006.
  • Le Necropoli Vaticane. La città dei morti di Roma. (Monumenta Vaticana Selecta), (con P. Liverani e contributo di P. Zander) Milano 2010.
Biografia

Luca Spinola​

Luigi Spinola

Quando può gioca anche su altri tavoli, dal copywriting alla comunicazione politica.

Nato a Santiago del Cile nel Settembre del ’73, Luigi Spinola passa l’infanzia in Francia, Belgio, Canada e Gerusalemme convinto che da grande farà il pittore. Scopre a vent’anni a Parigi che forse è meglio di no. Lavora alle Nazioni Unite a Vienna e a New York, dove organizza il Forum Mondiale delle Televisioni per conto della RAI. Passa in televisione come autore testi per i documentari del programma “il Filo d’Arianna” e scrive con Vincenzo Cerami la sceneggiatura di “La Fabbrica di Dio”, film che viene trasmesso in prima mondiale a Piazza San Pietro alla presenza di Giovanni Paolo II.
In cerca di una professione più definita, incappa in una sostituzione estiva come conduttore del programma Radio3Mondo di RadioRai3. Due mesi dopo, l’undici settembre 2001, lo buttano in diretta per otto ore di fila. Diventa giornalista professionista, muovendosi tra radio, Tv e carta stampata sempre e solo su temi internazionali. A febbraio 2008 gli affidano la redazione Esteri del quotidiano Il Riformista, incarico che ricopre fino alla chiusura del giornale, nell’aprile 2012. Nel giugno 2011 è stato selezionato dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti per l’International Visitor Leadership Program. Conduce tuttora Radio3Mondo due settimane al mese (6.50 rassegna della stampa estera – 1130 approfondimenti). Segue inoltre da Roma l’attualità italiana e mediterranea per la televisione paneuropea Euronews e collabora con diverse pubblicazioni, cartacee e online.

Video con l’intervista fatta nel luglio 2012 per Euronews al ministro degli Esteri italiano Giulio Terzi

 

Biografia

Marina Spinola

Nasce a Santiago del Cile nel luglio 1971, e trascorre la sua infanzia e adolescenza tra Francia, Belgio e Canada con qualche intervallo in Italia. Dopo il conseguimento nel 1990 del Baccalauréat al liceo Chateaubriand di Roma, si trasferisce a Londra dove nel 1996 conseguirà il Bachelor of Arts in Lettere e Filosofia presso il King’s College dell’Università di Londra. Nel 1996 torna in Italia e inizia a collaborare all’ufficio estero dell’Associazione Nazionale dell’industria cinematografica e audiovisiva. Si occuperà di promozione del cinema italiano presso festival e mercati internazionali. Collaborerà in seguito su alcuni progetti di promozione cinematografica anche per Cinecittà Holding e il Programma Media dell’UE. Nel 1999 inizia a collaborare con varie case di produzioni, tra le quali Medusa Film, nella lettura e valutazione di sceneggiature. Seguiranno poi dal 2004 al 2006 delle consulenze su progetti per la RAI come l’organizzazione di un festival del cinema documentario a Siracusa. Nel 2007 nasce l’idea di creare una piattaforma internet per lo streaming sicuro di contenuti audiovisivi. L’idea prende forma con Marco Fiorentino, laurea in Ingegneria a Princeton University e master alla Harvard Business School, azionista e AD di Kpnqwest Italia, società di telecomunicazioni milanese. Il progetto è lungo e laborioso e il sito www.filmflynet.com sarà on line in versione beta nel maggio 2010 e nella sua versione definitiva a novembre 2011. www.filmflynet.com si aggiudica il premio per il migliore servizio on-line conferitogli da una Giuria internazionale venerdì 1 giugno 2012 al Digital Experience Festival di Torino.

Biografia

Massimiliana Spinola​

Figlia del regista e poi produttore di vino Paolo Spinola si laurea a Genova in lettere e filosofia ad indirizzo artistico e a 26 anni va a lavorare a New York nel mondo dell’arte contemporanea. Dopo aver lavorato in gallerie e musei si sposta a Londra dove conclude un Master in Fine Arts e continua il suo lavoro di artista con fotografie, quadri e istallazioni. In tutti questi anni segue anche l’azienda Vitivinicola di famiglia “Castello di Tassarolo” per quanto riguarda il marketing e la vinificazione e nel Marzo 2005 si trasferisce a Tassarolo nella zona del GAVI per dedicarsi intermente al vino e fonda un asilo ed una scuola elementare ad indirizzo Steineriano, dove i bambini imparano, ciascuno secondo la propria individualità e il proprio ritmo, immersi nella natura circostante.

Amante della natura e sensibile alle problematiche dell’ambiente e della qualità del cibo converte tutta l’azienda “Castello di Tassarolo” in Biodinamica secondo i dettami di Rudolf Steiner, producendo solo vini certificati BIOLOGICI. Inizia anche un lunga sperimentazione sui vini che porta alla creazione di vini senza solfiti aggiunti – quindi 100% naturali – di alta qualità: i primi in Italia. Per la prima volta in Italia introduce, anche, con il suo compagno e partner di lavoro Henry Finzi-Constantine, i cavalli Francesi da tiro Comtois per lavorare la vigna, fondando una scuola dove si impara a lavorare la terra con i cavalli. www.castelloditassarolo.it

Biografia