Presunto ritratto della Marchesa Veronica Spinola Doria

Presunto ritratto della Marchesa Veronica Spinola Doria

1607

Autore
Sir Peter Paul Rubens (1577–1640)

Caratteristiche
Olio su tela, cm 250 x 165

Attuale collocazione
Staatliche Kunsthalle Karlsruhe, Deutschland

ATTENZIONE

Sul sito spinola.it stiamo lavorando alla revisione di tutti i Repertori.
Molti di questi sono ancora da aggiornare nei contenuti e nella formattazione. 

La Scheda

“…All’inizio della cosiddetta “età dell’oro” della pittura olandese, i ritrattisti realizzarono cose incomparabili con il loro acuto senso della realtà. Tra questi spicca Peter Paul Rubens, che raggiunse la fama in tenera età. Nel ritratto rappresentativo della Marchesa Veronica Spinola Doria dimostrò in modo impressionante le sue capacità. Nel 1600, il 23enne Rubens si recò dalle Fiandre in Italia dove divenne pittore di corte del duca Vincenzo Gonzaga a Mantova. Allo stesso tempo, però, lavorò anche a Roma e Genova. Veronica Spinola era una nobildonna genovese che Rubens dipinse in grandezza naturale a figura intera. Imponente, elle siede come una regina su una poltrona rossa davanti ad una nicchia a muro. La sua veste nera è decorata ad arte ed impreziosita da ricami in oro e argento. Una imponente gorgiera in fine pizzo incornicia il suo viso giovane e luminoso. Sul bracciolo della poltrona alle sue spalle siede un pappagallo il cui piumaggio riprende i colori fondamentali della composizione: nero, rosso e marrone dorato. Questi i colori dello stemma della famiglia Doria. Il garofano nei capelli di Veronica potrebbe indicare lo stato del matrimonio, inteso quindi come un simbolo di fedeltà. Il pappagallo era sinonimo di lusso, forse interpretato come un simbolo della “dolce prigionia” dell’amore. Il dipinto venne probabilmente commissionato dallo sposo della modella, Gio.Carlo Doria..”.

Liberamente tradotto dal testo della https://www.kunsthalle-karlsruhe.de/kunstwerke/Peter-Paul-Rubens/Bildnis-Marchesa-Veronica-Spinola-Doria/54FA302B49605863CF2EBA97AAA2383A/#

In opposizione a questa tesi, il prof. Piero Boccardo, in “Van Dyck a Genova, grande pittura e collezionismo” 1997 Electa editore, ricorda come questa attribuzione sia da considerarsi azzardata: “…Si coglie l’occasione per ricordare che di Veronica Spinola che sposò Gio.Carlo Doria nel 1608 non conosciamo l’effigie: la proposta di riconoscerla nella dama ritratta dal Rubens nei dipinti  oggi conservati rispettivamente presso la Kunsthalle di Karlsrue (inv. 2505) e la collezione Faringdon di Buscot Park avanzata da Muller Hofstede 1965,pp 89-92 e 96, è smentita sia da quanto si legge nel blasone raffigurato sulla tenda di sfondo nella prima tela, sia dalle vicende biografiche della stessa Veronica che, cresciuta in Spagna, venne a Genova solo in occasione delle nozze, troppo tardi quindi per incontravi Rubens. Per altro gli inventari attestano che della gentildonna esistesse un ritratto, opera del G.B. Paggi, mentre non menzionano un’effigie rubensiana…“.

link foto www.commons.wikimedia.org

Dove

Dove

Presunto ritratto della Marchesa Veronica Spinola Doria

Staatliche Kunsthalle
Hans-Thoma-Straße 2
76133 Karlsruhe
Deutschland

https://www.kunsthalle-karlsruhe.de/

Galleria

La Storia

Il dipinto venne probabilmente commissionato dallo sposo della modella, Gio.Carlo Doria, figlio del Doge Agostino e di Eliana Spinola di Gioffredo (rispettivamente zia e nonno di Brigida Spinola), fratello di Giacomo Massimiliano Doria, primo marito di Brigida Spinola, ritratta dal Rubens nel 1606.

Collegamenti

Personaggio
Pieter Paul Rubens fu attivo a Genova dal 1604 al 1607
Personaggio
Brigida Spinola Doria era cognata di Veronica Spinola Doria, avendo entrambe sposato due dei figli del Doge Agostino Doria